Mese: Maggio 2015

I danni sociali del trattato TtipI danni sociali del trattato Ttip



La prossima settimana torna a Trento l’OltrEconomia festival, il controcanto al Festival dell’economia promosso dalla Provincia autonoma. Anche l’anno scorso, sempre a fine maggio, l’evento parallelo ha proposto letture critiche dissonanti con il pensiero dominante in ambito economico, politico e sociale, che è stato come sempre il filo conduttore dell’evento istituzionale promosso dall’ente pubblico trentino.

Uno dei temi tuttora attuai è la questione delicatissima quanto negletta dai mass media del trattato commerciale in discussione fra Stati Uniti e Unione europea, il Tttip contro il quale è in corso una campagna politica.

A Belluno, giovedì 28 maggio 2015, alle 19.30, nella sede di Società Nuova, in via Lungardo 77, cena di autofinanziamento per il comitato bellunese Stop Ttip: info a stopttip.belluno@gmail.com.

In questo podcast, Monica Di Sisto e altre voci spiegano i rischi di danni sociali derivanti dal trattato Ttip per il commercio libero Usa-Ue che piace tanto al governo Renzi. Fra gli effetti negativi denunciati, un ulteriore peggioramente delle norme a tutela dei lavoratori e dei consumatori.

La trasmissione “Voci dalle Dolomiti” va in onda in Fm e in streaming (in Valbelluna e dintorni 98.750, 97.150 e 92.600 Mhz, a Radiocooperativa.org trovate anche le altre frequenze per Veneto e Friuli).

Share

Liberazione e nuove resistenzeLiberazione e nuove resistenze



Podcast di “Voci dalle Dolomiti” andato in onda in Fm a Radio Cooperativa il 12 maggio 2015.

In programma una conversazione con Renzo Guglielmino, testimone e studioso della Resistenza, in particolare a Bolzano Bellunese e nella valle dell’Ardo. Una serie di ricordi attraverso un filo conduttore che passa anche per i luoghi dei partigiani e dei rastrellamenti nazisti, per restituirci un’immagine della vita nella Belluno del periodo 1943-1945, scossa dall’occupazione e dalla violenza.

In scaletta anche un’intervista con Lorenzo Bogo della Casa dei beni comuni di Belluno, registrata nel corso dell’incontro svoltosi dieci giorni fa nella ex caserma Piave, dove è in corso il recupero di un settore destinato a diventar eun nuovo centro di aggregazione, uno spazio di democrazia e cultura aperto a tutti.

Nel corso della giornata (documentata in questo breve video) si è svolto anche un laboratorio agricolo di permacoltura e sono proseguiti alcuni degli interventi di sistemazione della sezione assegnata alla Casa dei beni comuni.

boscocastagne-doglioni

Due dei dieci partigiani impiccati dai nazisti al Bosco delle Castagne, sulle colline a nord di Belluno, il 10 marzo 1945

Share

Resistenza e autonomia alpinaResistenza e autonomia alpina



“Voci dalle Dolomiti” andata in onda il 28 apriel 2015, in Fm, a Radio Cooperativa. In scaletta, un’altra pagina dedicata alla lotta di Liberazione: un’analisi, affidata a studiosi e a testimoni dell’epoca, del ruolo avuto dal clero durante l’occupazione nazista delle tre province dolomitiche di Bolzano, Belluno e Trento, che dopo l’8 settembre 1943 furono annesse nella nuova entità amministrativa denominata Zona di operazioni delle Prealpi, controllata dai vertici del nazismo tirolese e afferente al Terzo Reich. Fra le voci che si possono ascoltare, quelle degli storici Gerald Steinacher, austriaco, e Leopold Steurer, sudtirolese, della partigiana bellunese Ester Riposi e del deportato feltrino Gianni Faronato.

(altro…)

Share

Massacro nazifascista sul GrappaMassacro nazifascista sul Grappa

Featured Video Play Icon


Il massacro nazifascista del monte Grappa colpì per una settimana, dal 21 settembre 1944, le località nella zona del massiccio, a cavallo fra le province di Belluno, Vicenza e Treviso.
Non fu un’operazione di guerra, perché nazisti (comprese le milizie trentine e sudtirolesi arruolate nell’Alpenvorland) e fascisti repubblichini, forti di almeno 8 mila soldati e supportati anche da armi pesanti e mezzi blindati, sgominarono nel giro di 24 ore o poco più l’opposizione delle formazioni partigiane scarsamente armate.

Nei giorni successivi attuarono invece scientemente quello che si dimostrò essere un vero e proprio massacro pianificato, contro giovani partigiani ormai inermi e contro la popolazione civile.
(altro…)

Share