Ponte nelle Alpi, il Comune dice «basta centrali idroelettriche»




[riceviamo dal Comune di Ponte nelle Alpi e volentieri pubblichiamo]

A differenza di quanto accaduto a Belluno, il sopralluogo, da parte dei tecnici della Regione relativo alla richiesta di concessione per la progettata centralina sulla Piave, in località Santa Caterina di Ponte nelle Alpi, si farà il giorno 19 novembre. Il sopralluogo è un obbligo di legge, ma per quanto ci riguarda l’incontro durerà pochi minuti.

Non abbiamo intenzione di farci illustrare il progetto dai proponenti, dato che su questo abbiamo gìà prodotto delle osservazioni puntuali che mettono in evidenza l’insostenibilità ambientale, tecnica e progettuale della richiesta in esame, ma ci limiteremo a esprimere la nostra netta contrarietà politica a questo ennesimo tentativo di aggressione al territorio per fini speculativi e ci rifiuteremo di accompagnare i tecnici alle eventuali verifiche sul posto.

In assenza di una pianificazione regionale, a nostro avviso, non è possibile rilasciare alcuna concessione, né sulla Piave, né su altri corsi d’acqua della Provincia.

Ci faremo promotori di una ferma richiesta di moratoria, da inviare agli Enti competenti, su tutte le richieste di concessione pendenti in Regione che riguardano la nostra Provincia e chiederemo a tutti i Sindaci di sottoscriverla.

È ora di dire BASTA CENTRALI!

Ponte nelle Alpi, 17 novembre 2015

Il sindaco Paolo Vendramini

L’assessore all’Ambiente Ezio Orzes

Potrebbe interessarti

Mountain Wilderness: il maltempo sulle Dolomiti ha ucciso migliaia di animali selvatici, la caccia va chiusa subitoMountain Wilderness: il maltempo sulle Dolomiti ha ucciso migliaia di animali selvatici, la caccia va chiusa subito



Mountain Wilderness, come altre associazioni che si battono contro gli attacchi al mondo naturale, chiede che la chiusura della caccia venga subito inserita fra le misure dopo le devastazioni causate