Autonomie, fondi di confine e quel vizietto centralista a Roma e a Venezia

  La legislatura appena avviatasi faticosamente, in uno scenario politico a tratti grottesco, potrebbe forse riaprire il capitolo delle autonomie, compresa quella richiesta da vari decenni dall’area alpina di Belluno (e ribadita nel referendum provinciale dell’ottobre scorso).

Share

Autostrada sulle Dolomiti, un incubo ricorrente in campagna elettorale. Ma sarebbe ora di smetterla…

Mentre si attendono gli sviluppi concreti del progetto per prolungare la ferrovia dal Cadore alla Pusteria e mentre in tutta Europa l’inverno è segnato anche quest’anno dagli allarmi per l’aria irrespirabile nelle città soffocate dal traffico (diesel e non), in Veneto c’è ancora chi agita in campagna elettorale il mito anacronistico e falso dell’autostrada dentro […]

Share

Riforma costituzionale, un altro duro colpo alla montagna bellunese. Ora basta mistificazioni. Il Bard: un no orgoglioso in difesa del territorio

Da un lato esponenti di primo piano del Pd che si superano e sfiorano il ridicolo affermando che la riforma costituzionale Renzi-Boschi tutela la montagna bellunese; dall’altro la maggioranza di governo delle autonomie in Trentino e in Alto Adige (Pd e Svp in testa) che si sbraccia a propagandare il sì alle modifiche costituzionali che […]

Share

Il Bard: la montagna dice no al referendum costituzionale che penalizza territori già deboli

[Riceviamo dal movimento Belluno autonoma Regione Dolomiti e volentieri pubblichiamo] “Le montagne per il sì? Forse quelle ancora più tutelate dalla riforma… La montagna vera, quella che ogni giorno si vede togliere servizi e vede partire i suoi figli perché non può garantire loro un futuro è una, unita e compatta, e farà sentire il […]

Share

Zanoni: idroelettrico, regime di illegittimità

[Sull’emergenza dell’assalto idroelettrico ai corsi d’acqua bellunesi riceviamo una nota del consigliere regionale in Veneto Andrea Zanoni, che volentieri pubblichiamo] «Sulle autorizzazioni di centraline idroelettiche in Veneto siamo al caos totale e, di fatto, in un regime di illegittimità. Vige infatti ancora uno stato di deroga che consente di autorizzarle senza valutazione di impatto ambientale, […]

Share

Pesticidi, api e diottrie

[riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento dalla campagna “Liberi dai veleni”, che il 30 ottobre promuove un altro incontro, questa volta a Lentiai] Lettera aperta rivolta alla Pro loco di Limana dai gruppi aderenti alla campagna “Liberi dai veleni” Si è da poco concluso l’appuntamento annuale con “Limana paese del miele”, organizzato dalla Pro Loco […]

Share

“Liberi dai veleni” verso 2.000 firme

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo comunicato della campagna “Liberi dai veleni”. In un solo mese dalla partenza della campagna “Liberi dai veleni” siamo già riusciti a superare le millecinquecento firme e voliamo verso le duemila. Un dato importante, che dimostra come i cittadini bellunesi siano attenti e pronti ad attivarsi rispetto a tematiche che coinvolgono […]

Share
Featured Video Play Icon

Massacro nazifascista sul Grappa

Il massacro nazifascista del monte Grappa colpì per una settimana, dal 21 settembre 1944, le località nella zona del massiccio, a cavallo fra le province di Belluno, Vicenza e Treviso. Non fu un’operazione di guerra, perché nazisti (comprese le milizie trentine e sudtirolesi arruolate nell’Alpenvorland) e fascisti repubblichini, forti di almeno 8 mila soldati e […]

Share

I sereni aguzzini dei partigiani

[pubblicato sul quotidiano l’Adige di Trento il 31 agosto 2010] Mario Pasi moriva in un freddo pomeriggio di marzo sulle colline sopra Belluno. Dall’alto dei monti che cingono a nord la città dolomitica, i suoi compagni partigiani potevano osservare i corpi penzolanti del comandante Alberto Montagna – il nome di battaglia di Pasi – e […]

Share